Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione, verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l'arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre arti, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica.
Benjamin Rush, firmatario della Dichiarazione d'Indipendenza USA, 17 Settembre 1787

giovedì 30 agosto 2012

Curcuma: antitumorale e non solo!

In India, è utilizzata almeno da 6000 anni come medicina, cosmetico, spezia e colorante (per 2000 anni le tuniche dei monaci buddisti sono state tinte con questa radice). Per gli indiani è un simbolo di prosperità e un mezzo di purificazione per tutto il corpo. La medicina ayurvedica le attribuisce numerose proprietà (antibatteriche, antinfiammatorie, antiallergiche, antispastiche, ecc.), molte delle quali confermate dalla scienza moderna.

Botanicamente, appartiene alla famiglia delle Zingiberacee, cui fanno parte anche lo zenzero e il cardamomo. La droga, che è di un bel colore dorato, si ricava dal rizoma. Contiene centinaia di componenti, cui sono state attribuite oltre 300 attività biologiche diverse. Per esempio, almeno 20 componenti possiedono una provata azione antibatterica. Tuttavia, i ricercatori si sono concentrati soprattutto su uno di questi, la curcumina. Il primo studio su questa sostanza risale agli anni ’70, quando un gruppo di ricercatori indiani dimostrò il suo effetto ipocolesterolemizzante sui ratti. Il grosso delle ricerche però prese il via circa 20 anni dopo, ad opera soprattutto del  Prof Bharat Aggarwal. Questi, negli anni ’80, fu il primo a purificare il TNF alfa e beta  (Fattore di Necrosi Tumorale), un potente fattore antitumorale prodotta dal nostro organismo. Questa molecola, infatti, è in grado di distruggere i tumori, ma solo se rilasciata localmente. Se invece circola liberamente nel sangue, ha un effetto opposto, cioè può facilitarne la crescita: il TNF stimola una importante proteina la kappa B (NF kappa B) che a sua volta attiva una serie di geni coinvolti nell’infiammazione e nella proliferazione cellulare. Questa associazione tra infiammazione e proliferazione cellulare fece tornare Aggarwal indietro con la memoria alle sue radici indiane. Gli venne in mente che la medicina ayurvedica utilizza la curcuma come un valido rimedio antinfiammatorio. Allora, la mise a contatto con le colture cellulari e, con sua grande sorpresa, l’attività del TNF e del  NF kappa B fu prontamente bloccata. In seguito, fu in grado di dimostrare che è soprattutto la curcumina a possedere la capacità di inibire questi fattori ed impedire la replicazione e la diffusione delle cellule tumorali. 

Da allora sono stati condotti centinaia di studi. Secondo i ricercatori, la curcumina potrebbe essere utile almeno in 8 tumori:  polmoni, bocca, colon, fegato, rene, pelle (melanoma), mammella e leucemia. La curcumina ha inoltre mostrato di possedere altre attività di estremo interesse, tra cui  quelle anticoagulanti, antipertensive, antinfiammatorie, antidiabetogene, antiossidanti, antivirali ed epatoprotettive. La proprietà antiossidante è 300 volte superiore a quella della vitamina E. 

Oltre al suo componente isolato (curcumina), anche la curcuma nella sua interezza si è dimostrata capace in alcune ricerche di inibire in vitro le cellule tumorali. Inoltre, lo stesso Professor Aggarwal ha affermato che coloro che consumano molta curcuma sono meno colpiti dal cancro.

Segue adesso una sintesi sulle evidenze scientifiche delle proprietà antitumorali della curcumina  e della curcuma.

Leucemia infantile – gli studi epidemiologici mostrano che in Asia l’incidenza di questo tumore è molto inferiore rispetto all’Europa e  secondo i ricercatori della Loyola University di Chicago questo sarebbe dovuti in parte all’effetto protettivo della curcuma, molto utilizzata nella cucina asiatica. L’azione antiossidante di questa spezia protegge il DNA dai danni provocati da sostanze chimiche ambientali o da quelle che si trovano nei processati.  Per altro, negli esperimenti di laboratorio, la curcumina è stata in grado di inibire le crescita delle cellule leucemiche. I bambini possono trarre benefico dalla curcuma fin da lattanti. Infatti, i principi terapeutici di questa spezia passano dalla madre al bimbo tramite il latte materno.

Cancro alla mammella – in alcuni studi sui topi la curcumina ha ridotto di molto la diffusione metastatica del tumore della mammella. Si crede che la curcumina e la curcuma possano essere molto utili nella prevenzione di questo tumore attraverso tre meccanismi:
- riduzione dell'effetto simil-estrogenico di molte sostanze chimiche (pesticidi, materiali plastici, ecc.)  che legandosi ai recettori estrogenici causano proliferazione cellulare e poi tumore;
- “down regulation” dei recettori ormonali. Cioè, curcuma e curcumina smorzerebbero i recettori, rendendoli meno sensibili agli stimoli;
- inibizione del COX-2, un enzima che ha un ruolo chiave nell’iniziazione e diffusione del cancro. Il COX-2 ha una lunga lista di effetti negativi: stimola la divisione delle cellule tumorali, impedisce la morte cellulare, stimola la crescita di nuovi vasi sanguigni attorno al tumore, facilita la diffusione delle metastasi.

Cancro alla bocca – uno studio è stato condotto a Srikakulam, nel distretto dell’Andhra Pradesh, su donne che praticano il “reverse smoking” (fumare tenendo in bocca la parte accesa della sigaretta), che provoca un' alta percentuale di tumore della bocca. La spennellatura di curcuma nelle guance si è dimostrata un’ efficace prevenzione del tumore.

Cancro del colon – l’effetto positivo della curcumina su questo tumore è stato dimostrato da studi di laboratorio. Recentemente si è visto che la curcumina ha un’azione specifica sulla neurotensina, ormone gastrointestinale strettamente legato alla produzione di una proteina infiammatoria coinvolta nella genesi  e nella metastatizzazione del carcinoma del colon. Circa un terzo dei tumori del colon hanno recettori per questo ormone. Secondo i ricercatori, la curcumina potrebbe essere un valida ausilio nella prevenzione e nella cura di questa forma tumorale. 
Cancro del pancreas – sulla base degli studi condotti in laboratorio, i ricercatori sono convinti che la curcumina potrebbe essere d’aiuto nella prevenzione e forse anche nella cura di questo temibile tumore, verso il quale la medicina è totalmente disarmata.

Melanoma – studi di laboratorio hanno dimostrato che la curcumina provoca l’apoptosi (una sorta di suicidio cellulare) delle cellule del melanoma.

Cancro del polmone – sono stati dimostrati effetti positivi della curcumina su cellule tumorali in vitro.

Cancro del fegato – sono stati dimostrati effetti positivi della curcumina su cellule tumorali in vitro.

Cancro della cervice – un ricercatore del  “Institute of Cytology and Preventive Oncology (ICPO)” indiano ha recentemente scoperto che la curcumina protegge dai virus del papilloma (HPV), che possono causare il tumore della cervice dell’utero. I virus HPV necessitano di alcune proteine virali prodotte  delle cellule del corpo per potere agire rapidamente. La curcumina impedisce il legame di queste proteine epiteliali con il virus. Alcuni studi clinici (sulle donne) sono in corso.

Cancro della prostata – l’India è il Paese dove si consuma (3-5 g per adulto al giorno)  e si produce più curcuma al mondo ed è anche quello con la più bassa incidenza di tumore alla prostata. In un recente studio sui topi si è visto che  l’associazione tra fenetil isotiocianati (PEICT) e curcumina, un composto naturale che si trova nelle crucifere (broccoli, cavolfiori, ecc.),  ha una notevole azione preventiva sul tumore della prostata. 
La teoria del Dr Heinrich Kremer e la curcuma
Secondo Kremer il tumore sarebbe la conseguenza di un disturbo nell’assorbimento di fotoni  a livello mitocondriale, da cui poi deriverebbe un deficit nella produzione di ATP, la “benzina” con cui funzionano tutte le cellule. Quindi, non si tratterebbe primariamente di una mutazione genetica, ma di un problema “energetico”. Questo porterebbe ad un cambiamento dell’identità cellulare: le cellule non si sentono più parte di una comunità (tessuto, organo, ecc.), ma iniziano a vivere una vita indipendente, svincolata da regole collettive. Il Dr Kremer è convinto che la visione ufficiale sulla produzione energetica delle cellule è fondamentalmente sbagliata e questo motiva gli ancora notevoli insuccessi delle medicina nella cura dei tumori. Secondo lo scienziato, la produzione di ATP  non è basata sul rilascio di energia chimica, così come insegnato alle Università, ma sull’assorbimento di fotoni di luce.  La curcuma, sempre secondo Kremer, possiede proprietà anticancro  ed in particolare la curcumina sarebbe in grado di “riparare” il circuito fotonico mitocondriale e così normalizzare la produzione di ATP.  
Come utilizzarla
Personalmente sono più propenso all’uso delle erbe intere, piuttosto che ai loro principi isolati. Credo nelle complesse sinergie tra i vari componenti, ancora troppo poco indagate e comprese. Con la sua visione riduttivistica, la scienza ufficiale trova molto più semplice scomporre ed isolare la realtà piuttosto che affrontarla su di un piano più olistico e integrato. Questo dà indubbiamente i suoi frutti, ma che riguardano solo una parte della verità.  Inoltre, dietro questo modo di procedere ci sono spesso interessi economici… chissà mai che ogni tanto non salti fuori qualcosa che si possa brevettare… e con la curcumina ci hanno già provato. Anzi, ne hanno pure fatta una sintetica.


Curcuma polvere: per un uso preventivo e salutistico si tratta semplicemente di integrarla nella dieta: 1-2 cucchiaini al giorno. Si può aggiungere alla fine della cottura di qualche pietanza, mettere nello yogurt, farne una salsa, il curry, ecc. Consiglio di assumerla sempre con un grasso (olio extravergine, burro, ghee, ecc.) o con cibi grassi, che per altro aiuta a digerire. Il grasso facilita l’assorbimento intestinale dei componenti attivi… ancora una volta il grasso alimentare è importante! Anche un po’ di pepe nero ne facilità l’assorbimento.

Se riuscite, date preferenza alla curcuma biologica. Conservatela in flaconi di vetro scuro a tenuta ermetica e tenetela rigorosamente lontano dalla luce e dalla umidità. La curcumina è molto sensibile alla luce. In commercio, esistono anche comode capsule, a base di polvere o di estratto secco. Per un impiego più curativo, si raggiungono anche dosaggi di oltre 6 grammi, ma  se soffrite di qualche patologia, vi consiglio di rivolgervi ad un esperto.  

Curcumina: i dosaggi sono molto variabili da 500 mg  (prevenzione) fino a 10 g. Di solito è molto ben tollerata. 
 
   
Bibliografia

- De Jager P Turmeric. The Ayurvedic Spice of life. VidyaSagar Pubblications. San Anselmo California. USA


- Heinrich Kremer La rivoluzione silenziosa della medicina del cancro e dell’Aids. Macroedizioni.

- Perugini Billi F Manuale di Fitoterapia. 2004. Ed Junior.

- Sauer G, Poth S The Spice Lilies. 2000. Healing Arts Press, Rochester, Vermont, USA.

- Links internet a disposizione su richiesta.


articolo scritto da Dr Francesco Perugini Billi 

49 commenti:

  1. Ho cominciato la "cura-prevenzione-naturale" proprio oggi: una puntina di curcuma mescolato in una tazza di caldo te' verde con aggiunta di un cucchiaino di miele.
    Il sapore della curcuma non si sente granché, quindi non dà fastidio (insomma, resta una buona tazza di te'), ma ora so che "silenziosamente" comincerà a fare il suo effetto giorno dopo giorno.
    Piccole dosi in maniera costante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah si, prevenire è molto meglio che curare!
      Io lo ingerivo quando mi nutrivo di cibi locali indiani (lo mettono dappertutto!) e poi col tempo l'ho perso di vista per poi ritrovarlo in questi giorni.
      Ottimo uso con il te verde, e anche un cucchiaino aggiunto al risotto lo trasforma in un "risotto allo zafferano" (eventualmente si può aggiungere un po' di pepe nero e ovviamente un cucchiaio d'olio d'oliva).

      Elimina
  2. Ma finiamola per cortesia, sono un esperto di piante officinali, ogni anno sul web esce una novità che bontà sua dovrebbe esplicare effetti antitumorali. Anni fa era il momento dell'Aloe che guarirebbe tutti i tumori che poi risulta falso. Dopo è venuto il momento della Graviola che dovrebbe essere il miracolo contro il cancro, adesso è il momento della Curcuma che secondo alcune presunte ricerche curerebbe svariati tumori. Si sappia che quanto viene riportato sul web in terrmini di ricerca sono notizie gonfiate e manipolate dagl editori e dai media. Anche il licopene del Pomodoro è un Anticancro, ma nonostante il pomodoro sia largamente presente nel piatto degli italiani la gente continua ad ammalarsi lo stesso di cancro. Tali notizie spesso hanno un solo obiettivo, INCREMENTARE la vendita dei rispettivi Integratori, in questo caso la Curcuma! Siate razionali"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che ho pubblicato questo articolo soltanto dopo aver vissuto alcuni mesi in India e dopo aver parlato della curcuma con alcuni indiani che seguono la dieta vegetariana e usano tutti i giorni queste spezie, posso dire, a prescindere dalla "pubblicità anti-cancro" a cui ti riferisci (e per quel che mi riguarda non mi entra niente in tasca!) se ci si ammala di cancro non è soltanto "colpa" dei cibi usati anche se molti degli alimenti che ingurgitiamo sono contaminati dai pesticidi, ormoni e non so cos'altro, ...cose che non fanno proprio bene al nostro corpo.
      Le malattie in generale sono soltanto la conseguenza di qualcos'altro che andrebbe ricercato non soltanto nel dna, considerato che siamo materia e spirito (...) ma questa è un'altra storia...
      Sicuramente la curcuma è un anti infiammatorio e in quanto tale aiuta il corpo (anche a risanare ferite esterne se applicato sulla parte così come fa l'aloe: mai provato personalmente? io si)
      Incrementare la vendita... come ripeto a me non entra nulla in tasca ma credo nel potere dei "doni" di pachamama (basta che non siano "manipolati" con qualche schifezza chimica!)
      Sei un esperto di piante officinali, bello!! sarebbe davvero utile avere il tuoi consigli. Sei disponibile a postarli? si, ma non come hai fatto in questo commento che più che consiglio è una critica anche un po' alterata nei toni.
      un caro saluto da chi di razionalità un po' se ne intende ;)

      Elimina
    2. Vivo in Brasile, la curcumina, la graviola , l'aloe e lo zenzero, costano meno di 5 euro, altro che vendere integratori, il problema e' che per il cancro non bastano piante o spezie medicinali, ma con loro serve un approccio globale fondato soprattutto su una dieta a bassissimo apporto di carboidrati, esercizio fisico e buon umore

      Elimina
    3. Condivido pienamente le tue affermazioni: non bastano piante o spezie ma serve un approccio globale, senz'altro! Grazie per il tuo contributo.
      buona vita

      Elimina
    4. dimenticavo, un po di sole e di vitamina d, selenio e olio di lino completano il programma... io predico bene e razzolo male, spero presto di invertire la rotta !!! Saluti e Buona Salute

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei proprio carognina te eh?

      Piuttosto lo hai riscritto, lo stesso post, pur di avere a tutti i costi l'ultima parola.
      Dicendo PUTTANATE.
      Perché posso capire per l'aloe e per la graviola.
      Ma non per la curcuma.
      Invece di fare l'arrogante che vuole imporre, studia prima.

      Elimina
  5. visto che lo hai scritto 2 volte... abbiamo capito, grazie: sei un esperto di piante officinali... e con questo? ti stai facendo pubblicità per caso?
    sarai pure un esperto ma non è detto che tu abbia ragione, specialmente se la "tua sola ed unica verità" la spari con tanta grazia!
    l'essere umano è unico e ha in se' l'autoguarigione (che viene aiutata anche dai doni di pachamama), questo è quello che credo io, e che sicuramente tu non condividerai, dato che... ti ritieni un esperto! (eh certo... chi meglio di te può saperlo? ma nessuno ovviamente! sei esperto!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sorellaluna è bello esprimere concetti di autoguarigione quando NON si è malati, chi più ne ha più ne metta, come dire il sazio non crede al digiuno. Ne ho viste di persone parlare come te, poi invece di fronte all'imprevista malattia si sono ritrovate nude, disarmate, dove tutte le teorie e i concetti di guarigioni mistiche sono andate a farsi benedire lasciando spazio alal dura realtà. Ergos70

      Elimina
    2. Caro Ergos70, quando ho aperto questo blog stavo ancora lottando per sopravvivere al cancro, e parlo di un III stadio e mezzo (cioè, ad un passo dal IV stadio). "il sazio non crede al digiuno" non è un adagio che mi appartiene.

      Elimina
    3. ciao sorellaluna come sei guarita dal cancro?

      Elimina
    4. Con la medicina ufficiale?
      La domanda la faccio anche a me stessa perché stando ai pareri che ho sentito dai medici, oggi non sarei dovuta essere qui.
      Dieci anni fa, mi sono affidata nelle mani della medicina ufficiale specialmente perché non conoscevo altro, e questo ha comportato 4 interventi in due anni, chemio e radio: il tutto - oltre ad aver estirpato la parte "in-curabile" - mi ha lasciato altri regalini come (ad esempio) le difese immunitarie basse (i miei globuli bianchi fino a 6 mesi fa non raggiungevano i 5,30 milioni, ora grazie all'assunzione giornaliera del kefir sono arrivati a 8 milioni), e altri problemini che non sto qui ad elencare.
      Come sono guarita?
      Direi che non si guarisce mai del tutto se non si affronta il problema alla radice:
      dal 2009 dalla tac vedo che c'è una formazione nodulare sospetta (mi dicono di non badarci perché possono essere le cicatrici dell'operazione). Negli anni a seguire questa formazione cresce e poi rimpicciolisce fino al 2014...
      il 2014 è stato un anno da "privazione di ossigeno" per quante cose negative ho vissuto nel quotidiano e la formazione nodulare che ad oggi è arrivata quasi a 3 centimetri ovviamente è al polmone. Lo stesso di dieci anni fa.
      Dunque, dicevo: "affrontare il problema alla radice"
      Ebbene è quanto sto facendo ora.
      La formazione nodulare è aumentata di un centimetro in un anno (l'anno negativo). E considerando per bene direi che non è molto. tuttavia c'è.
      Ora però voglio fare a modo mio: niente ago aspirato, niente radio, niente intervento. Non voglio ricominciare il travaglio di dieci anni fa. Voglio risolvere il problema alla radice. E mentre lo affronto faccia a faccia, prendo lieviti (kefir, pane con pasta madre, lievito di birra, curcuma, frutti di stagione e tutto quanto il corpo vuole - non la mente ma il corpo!).
      Ti sapro' dire al prossimo controllo se la strada che sto percorrendo sia il sentiero giusto. E il prossimo controllo non sarà la tac ma una semplice radiografia (tanto devo controllare solo il volume! la tac serve per scopi più mirati).

      NB: Stavo giusto pensando che dovevo aggiornare "la mia storia in un libro" (si tratta di Sanità e Santità, libro che ho scritto di getto durante il mio percorso. è linkato in questo blog, sotto il traduttore). Ebbene la tua domanda arriva a proposito...
      un caro saluto

      Elimina
    5. Ti ammiro. La pachamama guarisce. Bisogna crederci. So di malati di cancro che sono guariti in India con Ayurveda. Esistono anche alcuni funghi che uccidono le cellule tumorali e anche tutti i semi della frutta che contengono la agmigdalina. Una potente chemioterapia naturale senza però i suoi effetti collaterali.

      Elimina
    6. oooppsss invece di scrivere mila ho scritto milioni riferendomi ai globuli bianchi!! sono mila ^_^

      Elimina
  6. Io non sono un esperto di piante officinali ma vorrei condividere gli effetti benefici che ho ottenuto con la curcuma. Ho sempre sofferto di eczema, che ho cercato di curare con pomate varie etc. etc. ma nulla funzionava in modo definitivo, beh da quando ho cominciato ad assumere la curcuma regolarmente con tè verde l'eczema è scomparso!!!!; anche la pelle è sicuramente migliorata (non ho più brufoli). Mi sarei tuttavia aspettato un effetto maggiore sui tendini (ho iniziato ad assumerla a causa di un'infiammazione ai tendini e poi mi sono accorto che l'eczema svaniva).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto, grazie per aver condiviso la tua esperienza!
      ...dunque hai cominciato ad assumerla per un "problema" e ne hai risolto un altro: direi che va bene lo stesso. Evidentemente il tuo corpo ha reagito curando prima l'infiammazione che più a risposto all'assunzione della curcuma. E' risaputo che l'eczema è una infiammazione e quindi la curcuma ha avuto il suo effetto benefico. Anche per la tendinite avrebbe dovuto funzionare, tuttavia solitamente si consiglia anche di "tenere a riposo" le parti infiammate (cosa non sempre possibile se con le braccia ci si lavora!). Comunque potresti usare anche l'olio d'iperico applicato con un massaggio fino all'assunzione sulla parte infiammata (il mio consiglio è quello di preparartelo da te: i fiori si raccolgono verso maggio giugno - dipende dal tempo che fa: lo scorso anno erano già pronti a maggio! - e una volta raccolti, puoi metterli a bagno di olio di oliva - meglio se ne conosci la provenienza - per circa 30 giorni. Il barattolo deve essere aperto ed esposto al sole, mentre la sera va ritirato in casa. Per evitare che vi entri la polvere meglio coprirlo con una garza. Dopo 30 giorni di esposizione al sole, i fiori a bagno d'olio si essiccheranno, quindi potrai filtrare con un colino e, voilà, l'olio è pronto).
      Ricordando che la cura con i doni di Pachamama non va bene per tutti specialmente di questi tempi - ormai la gran parte delle persone è diventata allergica a molte cose - consiglio sempre di provare con piccole quantità prima di decidere se continuare con il "regalo di madre terra" scelto (nonostante il corpo avverta già da sé - istintivamente - cosa gli può far bene e cosa invece no).

      un caro saluto

      Elimina
  7. l'esperto anonimo che non ha cosa altro dire ahahahaahaha

    RispondiElimina
  8. devo continuare esperto anonimo?? non dici nulla???? ahahahaha vai a rileggerti i libri ciao ciao ;)

    RispondiElimina
  9. ecco caro esperto i dati parlano da soli ahahaahahaah fai pure brutte figure, ai comprato la laurea???? quanto ti e costata???
    La ricerca ha dimostrato che un apporto costante di curcuma può ridurre i tassi di colon, del polmone, della prostata, del seno e cancro orale. La ricerca da parte dell'Università del Texas nei topi suggerisce che la curcumina riduce effettivamente la diffusione del cancro al seno per i polmoni! Lo studio è stato reso possibile da iniezione di cellule di cancro al seno umano in topi a crescere tumori sono stati successivamente rimossi per simulare mastectomia.

    RispondiElimina
  10. devo andare avanti con argomenti che riguardano L'aloe ???? ignorate !!! per quello che mi riguarda e pericoloso per tutte le persone ritrovarsi davanti a un esperto che cambia le regole delle cose naturali e i suoi benefici con questo ho concluso apritevi gli occhi siamo attorniati da gente malata perché il sistema e malato non le piante baci a tutti

    RispondiElimina
  11. i tutto quello che si possa leggere a riguardo delle cose naturali non ce scopo di pubblicizare integratori, anche perché se una spezia come tante ma che ogni spezia a le sue proprietà e benefici, sono e resteranno utili da utilizzare nella nostra alimentazione, certo che se ci prendiamo gli antibiotici ecco perché viene il cancro mai nessuno lo ha detto ????
    Mentre la ricerca non ha ancora dimostrato che la curcuma è responsabile per prevenire Alzheimer, la scelta sta a voi. Si può dare la curcuma una prova e aggiungere un po 'di sapore al cibo, allo stesso tempo, oppure si può attendere 15 anni per la ricerca di terminare gli studi. mentre moriamo e le ricerche mangiano soldi in eterno

    RispondiElimina
  12. gli antibiotici vengono usati dagli allevatori le carni e il pesce anno antibiotici più quelli che prendiamo ecco la risposta al cancro mentre basta prendere aglio crudo con limone fa anche da antibiotico ad apri spetro, e l'uso dell'aspirina molto buona allego ricerche che testano quanto fa mene a l? uomo aspirina mentre antidolorifici fanno male meglio usare tachipirina 1000 e prendere dei ricostituenti durante influenza e anche dopo e non dimenticate l'importanza per le ossa e il suo stato di salute se prendiamo il cloruro di magnesio proviene dal mare ciò che dio ci a messo a disposizione ora se il mare fa bene al corpo immaginatevi cosa di buono possa fare il coruro di magnesio ? ;)) ragazzi apprezzerei un vostro parere mi aiuta a capire molte cose condividere e miscelare idee aiuta a tutti noi a dare un calcio alle ditte farmaceutici e alle false informazioni che ci danno cosi vendono più farmaci ;) ps dobbiamo essere uniti ;O))))

    RispondiElimina
  13. le ditte farmaceutiche crollano e noi non moriamo più questa e l'idea ;)

    RispondiElimina
  14. Ecco alcune della malattie già trattate con successo con il cloruro di Magnesio: epilessie, distrofie, sclerosi, poliomielite, tumori, asma, bronchite cronica, broncopolmonite, enfisema polmonare, influenza, pertosse, raucedine, affezioni dell’apparato gastro intestinale, malattie cervicali, tensioni neuro muscolari, artriti, sciatiche, dolori ai muscoli, calcificazioni, osteoporosi, depressioni, ansie, paure, mali di testa, febbri, fuoco di sant’Antonio, orticarie, tetano (anche quando il paziente è già rigido), morsi di vipera (lavare anche la ferita), rabbia, parotite, scarlattina, rosolia, morbillo, le altre malattie dell’infanzia, non esiste malattia che non possa essere trattata dal Cloruro di Magnesio in quanto esso, agendo sull’intestino e quindi sulla parete della mucosa intestinale disinfiammandola e ripristinando anche il pH intestinale verso l’alcalino, DIMOSTRA COME TUTTE LE MALATTIE PROVENGANO dall’apparato GASTRO INTESTINALE !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sul fatto che se l'intestino non funziona/non è pulito/non ha il giusto grado di ph si rischiano malattie di ogni tipo. E aggiungo che se la nostra energia è pergiunta negativa aiutiamo le malattie a prendere il sopravvento (abbassiamo le nostre difese immunitarie). Infatti, proprio in un periodo di schifo per me, si è affacciata una recidiva! Non ho fatto nulla delle cure che mi sono state consigliate... ora prendo in mano la situazione e ristabilisco il mio solito buonumore cominciando ad allontanare le persone che mi rendono negativa (solo arrabbiature con loro e con me stessa in questo ultimo periodo!). Voglio "scommettere" che questa recidiva come è venuta così se ne riandrà.

      Elimina
  15. attenzione alle tossine del cibo apparatemene sano vedi che l'organismo in natura a un processo di separazione dal cibo nutrienti e tossine che dopo i 30 anni di età si vanno a depositare nell'organismo il solo alimentarci e fare sport none sufficiente ecco perché patologia e malattie sono sempre più comuni ecco perché intolleranza al latte o allergie di varia natura ecco perché poi si arriva ( non a tutti ) ad avere malattie con conclamazione al cancro, ma se pensi che per risolvere il tutto va bene antibiotico allora perdo solo del tempo

    RispondiElimina
  16. ritonero nel discorso di integrare nel nostro organismo ricostinuenti al cambio stagione il magnesio cloruro, sempre per mantenere un corpo sano sia di muscoli de di ossa e denti e nervi saldi e aspirina se non si e allergici ma da evitare tutti gli altri anti dolorifici infiammazione, meglio per chi non può prendere aspirina tachipirina 1000 per adulti, 500 per bambini ma attenzione al paracetamolo se si fa abuso fa male al fegato.

    RispondiElimina
  17. scusate ma la tastiera e difettosa riassumo: ritornado sul discorso globale a parte i benefici delle bacche goij e di non far mancare sulla tavola cavoli broccoli e verdure di foglia verde e molto importante prendere integratori ricostituenti tipo pappa reale e tonici complex a ogni cambio stagione e sempre magnesio cloruro per mantenere nervi muscoli ossa e denti sempre sani , da non sotto valutare l'importanza del magnesio di cloruro , non e un magnesio che lo trovi nel cibo ma solo dal sale marino quindi facciamo attenzione e una cosa fondamentale per l'essere umano. se non vuoi prendere gli integratori allora inizia a pensare che devi vivere frullando frutta e verdura fresca e berne bicchieroni dalla mattina alla sera otre che mangiare a questo devi prendere in considerazione le patologie ereditarie che solo magnesio di cloruro preso per tanti anni inizia a risolvere e a togliere dal nostro corpo vi allegherò prove scientifiche al riguardo ;)

    RispondiElimina
  18. oggi per magiare sano ci vuole tempo che oggi non si ha piu qundi se non vogliamo finire come gli astronauti che mangiano queste preparate o peggio cibbo chimico fatiscente cerchiamo di capire cosa vuole il nostro corpo e troviamo il tempo per mangiare sani a qusto dico che gli integratori servono a colmare e dare piu vitamine perche il corpo in natura non riesce a assorbile il far bisogno ecco perche si deve segure una dritta linea associata a una vita sana alimentazione equilibrata varia e poca acqua non piu di 2 litri poche fa male siamo fatti di acqua ma non dobbiamo dimenticare che eccedere in tutto fa male ecco che tanti per mancanza di tempo tende a mangiare più delle volte sempre le stesse cose pratiche ma il corpo urla... ;)))))

    RispondiElimina
  19. adesso allego magnesio cloruro dopo di ciò ognuno e libero di fare quello che vuole vedremo poi i risultati ;)))

    RispondiElimina
  20. Il magnesio, come quantità, è il quarto tra i minerali presenti nel nostro organismo ed è essenziale per la nostra buona salute. Circa il 50% del magnesio contenuto nel nostro corpo si trova nelle ossa, l’altra metà si trova in prevalenza nelle cellule che compongono i tessuti e gli organi; soltanto l’1% si trova nel sangue, ma il nostro organismo deve fare molti sforzi per mantenere costanti i livelli ematici di questo minerale.

    Il magnesio è necessario per più di 300 reazioni biochimiche che avvengono nel nostro organismo,

    contribuisce a mantenere la normale funzionalità muscolare e nervosa,
    regola il battito cardiaco,
    mantiene sano il sistema immunitario
    e rafforza il tessuto osseo.
    Il magnesio, inoltre,

    contribuisce alla regolazione dei livelli di glucosio nel sangue,
    normalizza la pressione sanguigna,
    è coinvolto nel metabolismo dell’energia e nella sintesi delle proteine.
    I ricercatori recentemente hanno indagato sul ruolo del magnesio nella prevenzione e nella cura di alcuni disturbi come l’ipertensione, le malattie cardiovascolari e il diabete. Il magnesio introdotto normalmente tramite gli alimenti viene assorbito nell’intestino tenue ed eliminato dai reni.

    Dove si trova il magnesio

    Le verdure a foglia verde, come gli spinaci, sono una buona fonte di magnesio perché il centro della molecola della clorofilla (la sostanza che dà alle verdure il colore verde) contiene questo minerale.

    Anche alcuni legumi (fagioli e piselli), alcuni tipi di frutta a guscio, i semi e i cereali integrali ne contengono quantità importanti: i cereali non integrali, invece, hanno un contenuto piuttosto scarso, perchè quando la farina bianca viene raffinata e trattata la crusca e il germe (le parti ricche di magnesio) vengono rimosse. Il pane fatto con la farina integrale contiene più magnesio rispetto a quello fatto con la farina bianca raffinata.

    L’acqua del rubinetto può essere una buona fonte di magnesio, ma la quantità di minerale contenuta varia a seconda della sorgente. L’acqua che alla sorgente ha un maggior contenuto di minerali è definita dura ed è quella che contiene una maggior quantità di magnesio.

    Variare la propria dieta con un adeguato apporto di legumi, frutta a guscio, cereali integrali e verdure vi aiuterà a coprire il fabbisogno quotidiano di magnesio. Nella tabella seguente scoprirete la quantità di magnesio contenuta in alcuni alimenti.

    ALIMENTO Milligrammi (mg) %RDA americana
    Mandorle, tostate, 30 g 80 20
    Anacardi, tostati, 30 g 75 20
    Soia, matura, cotta, mezza tazza
    75

    20

    Spinaci, congelati, cotti, mezza tazza
    75

    20

    Frutta a guscio, mista, tostata, 30 g 65 15
    Cereali, farina macinata, 2 biscotti 55 15
    Farina d’avena, solubile, fortificata, con acqua, 1 tazza 55 15
    Patata, bollita con la buccia, medie dimensioni 50 15
    Arachidi, tostate, 30 g

    50 15
    Burro di arachidi, semplice, 2 cucchiai 50 15
    Crusca di grano, cruda, 2 cucchiai 45 10
    Piselli, cotti, mezza tazza 45 10
    Yogurt, bianco, scremato, circa 2 dl e mezzo 45 10
    Fiocchi di cereali integrali, mezza tazza 40 10
    Fagioli cotti, mezza tazza 40 10
    Riso, integrale, chicco lungo, cotto, mezza tazza 40 10
    Lenticchie, mature, cotte, mezza tazza 35 8
    Avocado, mezza tazza di purea 35 8
    Fagioli rossi, in scatola, mezza tazza 35 8
    Fagioli borlotti, cotti, mezza tazza 35 8
    Germe di grano, crudo, 2 cucchiai 35 8
    Latte e cacao, una tazza 33 8
    Banana, cruda, medie dimensioni 30 8
    Barretta al cioccolato al latte, 45 g circa 28 8
    Latte, ridotto contenuto di grassi (2%) o senza grassi, 1 tazza 27 8
    Pane, farina normale, confezionato, una fetta 25 6
    Uvetta, senza semi, mezza tazza 25 6
    Latte intero, una tazza 24 6
    Budino al cioccolato, 120 g circa 24 6

    RispondiElimina
  21. aggiungo che il magnesio non tutti i magnesio pigliativi ma quello di cloruro del resto il magnesio comune lo prendiamo dal cibo quello marino no ;)

    RispondiElimina
  22. il sale marino e iodato e senza magnesio di cloruro perché e trattato ;)

    RispondiElimina
  23. io sto per provare l'unico magnesio di cloruro disponibile in farmacia in pastiglie in boccetta in vetro da 20 pastiglie, a adro nelle farmacia che ordinano tutto in tutto il modo che trovi e puoi ordinare Magnesio marino 24 bustine solubile non si smette mai di farsi prendere in giro dalle case farmaceutiche che ti prendono in giro

    RispondiElimina
  24. aspetto risposte e pareri in numerosi anche anonimi e sempre bene accetto i pareri di diverse persone crescere fa sempre bene per ammalarci e morire c'e sempre tempo allora meglio fare che guardare o aspettare ;)

    RispondiElimina
  25. lottare e riconoscere le cure naturali noi siamo i protagonisti non gli scienziati che chiudono e sigillano ;)

    RispondiElimina
  26. Ciao a tutti,
    Volevo dirvi che da un paio di mesi ho iniziatoa prendere ccostantemente zenzero e poi curcuma., vi posso garantire che i mieo
    dolori al braccio destro che mi lasciavano

    inerme sono scomparsi, risultato mon

    ottenuto con antinfiammatori che pur di non

    prendere più avevo preferito soffrire! !!!
    Iero avevo mal di hola ed ho preso curcuma e miele ed ho risolto.
    Per me sono fantastici!

    RispondiElimina
  27. ma se la curcuma è un antitumorale solo se applicata localmente,
    e non quando circola nel sangue perchè assorbita durante la digestione presa quindi per via orale, in questo caso ha l'effetto contrario, quindi favorisce la crescita dei tumori,
    è un controsenso, vorrei delle spiegazioni, grazie



    RispondiElimina
  28. ovviamente ti riferisci a questo passaggio:
    "Questa molecola, infatti, è in grado di distruggere i tumori, ma solo se rilasciata localmente. Se invece circola liberamente nel sangue, ha un effetto opposto, cioè può facilitarne la crescita: il TNF stimola una importante proteina la kappa B (NF kappa B) che a sua volta attiva una serie di geni coinvolti nell’infiammazione e nella proliferazione cellulare."
    io so per certo che quando è usata localmente (parlando di polvere di curcuma, cioè trasformata dalla radice fresca in polvere attraverso un processo di lavaggio ed essiccazione) addirittura cicatrizza meglio del "cicatrene" e anche più in fretta. L'utilizzo di curcuma fresca è ben differente e non perde determinate sostanze. Detto questo torniamo al passaggio che ci hai segnalato:
    "Questa associazione tra infiammazione e proliferazione cellulare fece tornare Aggarwal indietro con la memoria alle sue radici indiane. Gli venne in mente che la medicina ayurvedica utilizza la curcuma come un valido rimedio antinfiammatorio. Allora, la mise a contatto con le colture cellulari e, con sua grande sorpresa, l’attività del TNF e del NF kappa B fu prontamente bloccata. In seguito, fu in grado di dimostrare che è soprattutto la curcumina a possedere la capacità di inibire questi fattori ed impedire la replicazione e la diffusione delle cellule tumorali."
    La curcumina si attiva quando la curcuma viene a contatto con olio d'oliva o te verde o pepe nero (basta una di questi tre, non necessariamente tutti insieme).
    Sicuramente, (secondo me) è molto meglio utilizzare curcuma fresca, mangiandola a pezzettini in una minestra o in qualsiasi altra pietanza dove può essere aggiunto uno dei tre altri ingredienti necessari ad attivare la curcumina.
    Attualmente sto facendo questo (prima ingerivo la polvere di curcuma) e sto trovando giovamento. Tuttavia è bene ricordare che:
    - non tutti possono ingerire la curcuma (ad esempio chi ha problemi di coagulazione del sangue),
    - che non bisogna esagerare nelle dosi (uno o due grammi giornalieri vanno più che bene.
    Per parlare di controsenso invece, se leggi bene i due passaggi che ho virgolettato, potrai notare che non ce n'è.

    RispondiElimina
  29. Vorrei per un attimo parlare della curcuma. Ho sofferto improvvisamente e senza motivo di dolori alla schiena, in alto. La comparsa è avvenuta in concomitanza con un attacco d'asma e mi sono recata al pronto soccorso, spaventatissima perché, da buona fumatrice temevo una diagnosi nefasta. La lastra al torace non ha rilevato niente, mi hanno curato l'asma ma i dolori non passavano. Dopo un mese di tormento a base di Aulin, Celebrex (antidolorifico di una certa rilevanza) e cortisone, non ne venivo a capo.Telefono a mio cugino, fisioterapista, che mi dice di provare con la curcuma. Dopo una settimana i dolori sono passati, scemando piano piano, e non si sono più ripresentati. Naturalmente da allora fa parte della mia routine quotidiana: un cucchiaino da caffè in un po' d'acqua con una macinata di pepe, mattina e sera. Faccio presente che a una mia collega con tumore al seno, dopo l'intervento e le relative terapie canoniche, l'oncologa ha dato da prendere "Curcumed" a base di curcuma due volte al giorno. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, molte grazie per la tua testimonianza e per le informazioni. Non sapevo che esistesse "Curcumed" e non sapevo che l'oncologia ne prescrivesse, ma mi ha fatto piacere saperlo, così come per il tuo miglioramento dopo l'assunzione della curcuma.
      Buona giornata e Buona Vita!

      Elimina
  30. Confermo, avevo un dolorino al gomito del braccio sx (un principio di artrite?).Prendo la curcuma , due gr al di con pepe nero (una spolverata) e il dolorino, che avevo da alcuni mesi sparito del tutto.Ora non sono uno che si entusiasma facilmente ,e non sono un esperto di erboristeria ma da anni mi occupo di alchimia erboristica o spagiria e conosco ababstanza bene le proprieta' delle erbe che uso.Sono altresi pienamente in accordo con la curatrice del sito non si opera funzionalmente solo a livello fisico ma acnhe e soprattutto equilibrando mente corpo e spirito e, aggiungo io,volersi bene mangiando bene .Poi tutto e' opinabile e discutibile ma senza le sparate del sapientone di turno,io preferisco confrontarmi con dati tangibili e misurabili con chi usa un procedimento piuttosto che per sentito dire ,e ad oggi non mi sono ancora sbagliato.Il mio medico non mi vede da 15 anni e non mi reputo unn fortunato ma uno che " fa" quotidianamente un percorso di armonia ed equilibrio e i risualti arrivano.Grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
  31. Ciao Claudio B, grazie per la tua testimonianza e complimenti per la gestione ottimale della tua salute! Anche se non ci conosciamo, un simile parlare mi fa pensare tu sia connesso con te stesso e con pachamama, due cose non facili da scorgere (causa maya) ma che sicuramente hanno il loro peso per il benessere del proprio corpo (etereo-psichico-fisico).
    Ti auguro lunga vita e prosperità

    RispondiElimina
  32. Si può aggiungere nel te verde un po di curcuma ed un po di zenzero ?

    RispondiElimina
  33. Ho assunto la curcuma in polvere per 8 mesi, ma ora purtroppo non posso più perchè mi causa diarrea, ho provato anche con le pillole di Biocurcumax, ma niente , la stessa cosa, qualcuno può dirmi perchè?

    RispondiElimina